Cerca nel blog

giovedì 6 gennaio 2011

Gina Gey - Due occhi fra noi/Qualcosa di blu (1967)













Chi è Gina Gey? Quando sono venuto in possesso del 45 giri oggetto del post di oggi me lo sono chiesto, ed ho iniziato a sfogliare tutte le riviste musicali degli anni '60 che ho, da "Big" a "Ciao amici", da "Sorrisi e canzoni" a "Giovani".....ma niente: venivo sommerso da Patty Pravo, da Caterina Caselli, persino da Niky e Ivana Borgia.....ma nulla su Gina Gey.
Anche nel libro pubblicato dalla Coniglio lo scorso anno, "Le ragazze dei capelloni" di Franco Brizi, di Gina Gey non c'è traccia: e lo capisco, in effetti pare aver inciso un solo disco, questo....almeno con questo pseudonimo (e tra poco saprete perché uso questa parola).
Io non mi arrendo, però.....ed ho deciso di indagare, anche se vi anticipo che ancora non so chi sia questa Gina Gey.
Ma andiamo con ordine......il disco, come potete vedere dalla copertina, è stato pubblicato dalla DKF Folklore, un'altra  casa discografica torinese, che aveva sede in via Pietro Micca 17.....se per caso ci passate, vedrete che è un normalissimo condominio.
Felice Ruggiero (che tutti conoscono come Happy, dai tempi in cui suonava nei Fauni alla fine degli anni '50), il titolare dell'etichetta, da me intervistato poco più di un anno fa, mi ha spiegato che lì c'era la sede e gli uffici, ma che le registrazioni dei dischi venivano effettuate a qualche isolato da lì, in via Bertola 34, in quelli che erano gli studi della Fonit-Cetra....questo, almeno, negli anni '60 perchè poi Ruggiero decise di aprire anche uno studio di registrazione, il Format (che molti di voi conosceranno perché vi ha registrato i suoi primi due album Paolo Conte).
Ovviamente gli ho chiesto notizie su Gina Gey (mi ero portato anche il 45 giri dietro, insieme ad altri...): mi ha detto che, al contrario degli altri dischi pubblicati, questa era una produzione esterna, nel senso che qualcuno (ma non si ricordava chi....) gli aveva portato le due canzoni già incise.
La cosa di cui era sicuro, però, era che ''Gina Gey'' fosse uno pseudonimo: si ricordava inoltre che doveva essere torinese.
Apro una parentesi: la DKF aveva anche altri artisti che pubblicava con l'uso di pseudonimi: prima o poi farò qualche post su una tale Silva Grissi, che molti conoscono come componente, negli anni '70, di un bravo gruppo di rock progressivo con il suo vero nome....(e magari, chissà, anche questa Gina Gey ha poi usato in seguito il suo vero nome o magari uno pseudonimo).
Ma non mi sono fermato: sull'etichetta ho visto i nomi degli autori di ''Due occhi fra noi'', Dunn e Valgiust....allora ho cercato nel sito della Siae il deposito della canzone, ed ho trovato Gilberto Valgiusti come autore della musica, mentre l'autore del testo non era evidenziato (la dicitura è ''Avente diritto non amministrato", tipica di chi era iscritto ma poi, per vari motivi, ha fatto decadere l'iscrizione, magari non pagando la quota annuale).
A questo punto ho cercato nelle "Pagine bianche", scoprendo che in Italia esistono due Gilberto Valgiusti registrati, uno abitante a Forlimpopoli ed uno in provincia a Pistoia....ed è proprio quest'ultimo l'autore della canzone!
Persona molto disponibile, che tuttora suona in giro per la Toscana, mi ha raccontato che, in quel periodo, si trovava a Torino, città in cui stava studiando pianoforte al Conservatorio.....suonava inoltre in un complesso, che si chiamava "I Cinque Toscani", e componeva canzoni, su cui poi un'autrice di testi milanese, Bruna Giorgini, scriveva i testi....tra cui "Due occhi fra noi" (Dunn è il cognome del marito della signora Giorgini, che all'epoca era un medico, e lei l'aveva usato per firmarsi).
Mi ha poi detto che era questa Bruna Giorgini che conosceva Gina Gey, mi ha confermato che si trattava di uno pseudonimo e che era torinese....purtroppo lui da una quindicina d'anni non è più in contatto con la Giorgini, e non avendo più il telefono non sa come rintracciarla: si ricorda che aveva una sorella, Maretta Giorgini, segretaria delle edizioni musicali Alfiere.
Ora sto cercando di individuare questa signora, per capire finalmente chi sia Gina Gey.....un'ultima cosa: quando il quotidiano "La Stampa" ha messo in rete tutto il suo archivio, tra le mille e mille ricerche che ho fatto c'è anche quella su questa cantante, ed ho trovato una recensione di questo 45 giri e varie sue esibizioni in locali torinesi nel biennio 1967-1968....tra cui una al "Garden Danze" proprio la stessa sera (25 gennaio 1968) in cui al Piper (parlo del "nostro" Piper, non di quello in via Tagliamento....) suonavano le mitiche "Le Stelle di Mario Schifano".....chissà chi ha fatto più pubblico!!!
Passando, finalmente, alle canzoni...."Due occhi fra noi" è una canzone che mi piace molto, un Rhythm 'n' Blues con i fiati in sottofondo, peccato non conoscere i nomi dei musicisti...ed anche Gina Gey dimostra di avere una voce tutto sommato adatta al brano e certamente non peggiore di quella di altre cantanti che hanno inciso persino uno o due 33 giri (come Niky, Dominga o Barbara Lory).
"Qualcosa di blu", canzone più lenta, dovrebbe essere una cover, vista la firma McDaniels, ma non so, ahimè, dirvi di cosa.....se qualcuno per caso lo sapesse me lo faccia sapere; il testo italiano è di Renato Scala.

1) Due occhi fra noi (testo di Bruna Giorgini Dunn; musica di Gilberto Valgiusti)
2) Qualcosa di blu (testo di Renato Scala; musica di McDaniels)

5 commenti:

  1. Certo che hai fatto un lavoro grandioso andando ad intervistare veramente "chiunque" - anche per striscio - sia passato per la scena musicale torinese.
    Anche se non è Roma, Milano, Genova o Modena, è comunque importante e molto interessante!

    RispondiElimina
  2. Grazie, fa sempre piacere quando il proprio lavoro viene comunque riconosciuto come valido...oltretutto da una persona competentissima di musica italiana!

    RispondiElimina
  3. Qualcosa di blu è la cover di "Something Blue" di gene Mc Daniels

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille per l'informazione!

      Elimina
    2. Mi era già stato segnalato comunque, ma l'avevo scritto in un altro post

      https://ilnegoziodieuterpe.blogspot.it/2011/01/gina-gey-aggiornamento.html

      Elimina