Cerca nel blog

martedì 27 dicembre 2011

Renato D'Andrea - Alleluia! Canto per Cristo ''Taizé''-Cristo ha vinto la morte












Continuiamo con l'atmosfera natalizia nel post di oggi, che riguarda un 45 giri di Renato D'Andrea, o meglio padre Renato D'Andrea.
Esiste un bel libro (che vi consiglio, se interessati all'argomento) che si intitola "Pop italiano di ispirazione cristiana", scritto da Fabio Marchignoli ed edito da Pieve editore: in questo volume, in ordine alfabetico, sono trattati tutti o quasi i gruppi e cantanti che hanno inciso canti legati al cristianesimo, per lo più pubblicati su dischi dalle edizioni Paoline, dalla LDC, dalla PCC, dalla Rusty e da altre etichette legate al mondo cattolico.
Di D'Andrea si dice che è un padre domenicano romano, compositore e cantautore, che ha inciso anche con i "Cantori Moderni" di Alessandroni, e viene riportata una sua discografia parziale.
Manca però questo disco, che contiene quella che è la sua canzone più nota: chiunque abbia negli ultimi quarant'anni partecipato a qualche celebrazione eucaristica sicuramente ha sentito la corale cantare prima del Vangelo "Canto per Cristo che mi libererà quando verrà nella gloria".
Quello che non sapevo, e che ho scoperto leggendo l'etichetta, è che la musica non è di D'Andrea, autore del solo testo, ma è tratta da una melodia folk inglese.
Sul retro vi è invece un brano scritto sia per il testo che per la musica dal cantautore; entrambi i canti sono suonati dall'Orchestra di Elvio Monti, musicista autore per Piero Ciampi e Fabrizio De André.
Non è riportata, né sul vinile né sull'etichetta, la data di pubblicazione del disco, ma dal numero di catalogo deduco che debba trattarsi del 1970 o del 1971.
Di D'Andrea ho trovato in rete il sito internet, che potete visitare qui ; nulla so invece del coro Rabbuni, che partecipa all'incisione.

1) Alleluia! Canto per Cristo ''Taizé'' (Renato D'Andrea-Tradizionale)
2) Cristo ha vinto la morte (Renato D'Andrea)

1 commento:

  1. Due documenti di una certa importanza, che bisogna pprezzare però solo in questa veste.

    RispondiElimina